Библия-Центр
РУ
Оглавление
Поделиться

Новое небо над новой землей (размышления над Библией)

В.В. Сорокин

Царство Мессии

От пророчеств о мессианских временах неотделимы пророчества о Царстве Мессии. Собственно, отдельные черты этого Царства появляются уже в мессианских гимнах Исайи Иерусалимского (Ис 9:2-5; Ис 11:6-9). Уже из этих гимнов видно, что главный признак наступления Царства Мессии — излияние на народ Божий благодатного мира в невиданной доселе полноте и духовное преображение людей. То же видим мы и в гимнах этого пророка, непосредственно посвящённых описанию мессианского Царства (Ис 32:15-20 и Ис 33:17-24). Начало мессианского Царства — излияние Святого Духа (Ис 32:15), Которым преображается мир, так, что даже прежняя земля становится иной, облагодатствованной и облагороженной (Ис 32:15, Ис 32:18-20). Царство Мессии — это Царство справедливости (Ис 32:16), и жители Его пребывают в мире, в благодатных «обителях мира» (Ис 32:18). Замечательно, что и Сион, и Иерусалим целиком воспринимаются как такие «обители мира» (Ис 33:20-22), и дело здесь не только в названии города (Иерусалим — собств. йерушалайм — означает в переводе с еврейского «город мира»). Здесь за Иерусалимом земным начинает чувствоваться присутствие Иерусалима Небесного, и Сион начинает открываться в своём духовном измерении — с него текут реки благодати Божией (Ис 33:21; ср. Иез 47:1-2; Откр 22:1). Разумеется, все горести и беды при наступлении мессианского Царства остаются позади (Ис 33:18-19, Ис 33:23-24). Однако обитать на этом новом Сионе может далеко не каждый, на него могут взойти лишь праведники, «бедняки Господни» (Ис 33:14-16; ср. Пс 15:1-5), потому-то и спасается у Исайи лишь остаток Израиля (Ис 10:20-23). Показательно, однако, что в сознании пророка сливаются воедино два разных события: возвращение евреев из Вавилонского плена и начало мессианского Царства, так, что пророчество о возвращении (Ис 11:10-16) следует непосредственно за мессианским гимном (Ис 11:1-9), как бы продолжая его. То же характерно и для пророчества о мессианском Царстве (Ис 32:15-20), начало Которого (Ис 32:15) пророк связывает с концом запустения Иудеи и Иерусалима, происшедших, очевидно, вследствие завоевания (Ис 32:9-14) (это, по-видимому, не нашествие ассирийцев, конец которого Исайя предвидел (Ис 10:5-19) и свидетелем которого он был). Здесь ещё Царство Мессии видится во многом аналогичным великим земным царствам, от которых, однако, оно отличается прежде всего изливающейся на него полнотой благодати Божией, а вследствие этого — идеальными отношениями между его обитателями, которые все будут, несомненно, праведниками.

Переосмысление и углубление этих представлений начинается, вероятно, уже в эпоху Иеремии, для которого Новый Завет ассоциируется прежде всего с сердечным богоообщением (Иер 31:33), но по-настоящему иными они становятся лишь у Исайи Вавилонского, которому принадлежит пять пророчеств о мессианском Царстве (Ис 40:1-11; Ис 54:1-17; Ис 60:1-22; 62:1-12; 65:17-25), из которых первые два, по-видимому, были написаны ещё в Вавилоне. Здесь появляется ставший уже традиционным образ Бога, воцаряющегося над Израилем на Сионе в Иерусалиме (Ис 40:9-11), Бога, Который Сам становится пастырем Своего народа (Ис 40:11). Второе пророчество (Ис 54:1-17) прославляет Бога как Царя вселенной (Ис 54:5), и одновременно это — обетование не только восстановления (Ис 54:4-8), но и обновления (Ис 54:11-17). Здесь впервые в пророческой традиции появляется образ Небесного Иерусалима как символ мессианского царства. Надо сказать, что Царство Божие и Царство Мессии впервые столь ясно связываются именно у Исайи Вавилонского — для него это, в сущности, уже одно Царство. Израиль выступает здесь как невеста Божия (Ис 54:4-8), и это богосупружество является тем «заветом мира», о котором впервые упоминает Иезекииль (Ис 54:10; ср. Иез 34:25).

Очевидно, богосупружество открывает верующей душе небесный чертог Божий, потому, что далее следует видение Небесного Иерусалима, явленного в славе (Ис 54:11-13; ср. Ис 60:1-3; Откр 21:2-4). Замечательно, что явление этого Небесного Иерусалима связано с собиранием праведных со всех концов земли (Ис 60:10-14), и эти верующие праведники из всех народов участвуют в созидании нового, духовного Иерусалима и имеют доступ к его святыням, принося в него всё лучшее, что имеют (Ис 60:10-11; ср. Откр 21:24-27). Естественно, что всякий, восстающий против Небесного Иерусалима, терпит поражение (Ис 54:15-17; ср. Ис 60:12, Ис 60:14; 65:11-15; Откр 19:19-21). Но это не просто внешнее поражение: речь идёт о чем-то явно более глубоком, чем земная война, ведь духовный Иерусалим — это обитель явленной славы Господней, вне которой — тьма (Ис 60:2); картина эта напоминает евангельское описание Царства Божия как «чертога брачного», вне которого — тьма (Мф 22:13). Неудивительно, что видение Небесного Иерусалима дополняется откровением о сотворении «нового неба» и «новой земли» (Ис 65:17; Ис 66:22; ср. Откр 21:1-2) — ведь именно этого требует предполагаемая с пришествием Мессии полнота обновления мира. Жители Небесного Иерусалима уже не знают печали и горестей (Ис 54:14; ср. Ис 65:18-23; Откр 21:4), они познали Бога в полноте (Ис 54:13; ср. Ис 60:21-22; Ис 65:24; Откр 21:3), и Его духовный свет заменяет им свет физический (Ис 60:19-20; ср. Откр 21:23; Откр 22:5). Здесь Царство Мессии зримо является как Царство Божие, которое не от мира сего, как новый, духовный Иерусалим, открытый для всякого праведника из любой страны и любого народа. «Апокалипсис Исайи», написанный уже в послепленную эпоху, дополняет эти пророчества картиной эсхатологической катастрофы (Ис 24:17-23; ср. Откр 6:12-17; Откр 16:18), но по существу ничего в них не меняет, равно как и мессианские пророчества появившейся в это же время Книги пророка Даниила (Дан 7:9-14; Дан 12:1-3). Естественно, возникает вопрос: почему же, несмотря на столь явные свидетельства, духовные вожди богоизбранного народа не узнали и отвергли обетованного Мессию?

Отрывки к тексту:
Ис 32
Ис 33
Ис 10
Ис 60
Ис 62
Ис 65
Ис 54
Откр 21
Ис 24
1
Ecco, un re regnerà secondo giustizia e i principi governeranno secondo il diritto.
2
Ognuno sarà come un riparo contro il vento e uno schermo dall'acquazzone, come canali d'acqua in una steppa, come l'ombra di una grande roccia su arida terra.
3
Non si chiuderanno più gli occhi di chi vede e gli orecchi di chi sente staranno attenti.
4
Gli animi volubili si applicheranno a comprendere e la lingua dei balbuzienti parlerà spedita e con chiarezza.
5
L'abietto non sarà chiamato più nobile né l'imbroglione sarà detto gentiluomo,
6
poiché l'abietto fa discorsi abietti e il suo cuore trama iniquità , per commettere empietà e affermare errori intorno al Signore, per lasciare vuoto lo stomaco dell'affamato e far mancare la bevanda all'assetato.
7
L'imbroglione - iniqui sono i suoi imbrogli - macchina scelleratezze per rovinare gli oppressi con parole menzognere, anche quando il povero può provare il suo diritto.
8
Il nobile invece si propone cose nobili e agisce sempre con nobiltà .
9
Donne spensierate, suvvia ascoltate la mia voce; figlie baldanzose, porgete l'orecchio alle mie parole.
10
Fra un anno e più giorni voi tremerete, o baldanzose, perché finita la vendemmia non ci sarà più raccolto.
11
Temete, o spensierate; tremate, o baldanzose, deponete le vesti, spogliatevi, cingetevi i fianchi di sacco.
12
Battetevi il petto per le campagne amene, per i fertili vigneti,
13
per la terra del mio popolo, nella quale cresceranno spine e pruni, per tutte le case in gioia, per la città gaudente;
14
poiché il palazzo sarà abbandonato, la città rumorosa sarà deserta, l'Ofel e il torrione diventeranno caverne per sempre, gioia degli asini selvatici, pascolo di mandrie.
15
Ma infine in noi sarà infuso uno spirito dall'alto; allora il deserto diventerà un giardino e il giardino sarà considerato una selva.
16
Nel deserto prenderà dimora il diritto e la giustizia regnerà nel giardino.
17
Effetto della giustizia sarà la pace, frutto del diritto una perenne sicurezza.
18
Il mio popolo abiterà in una dimora di pace, in abitazioni tranquille, in luoghi sicuri,
19
anche se la selva cadrà e la città sarà sprofondata.
20
Beati voi! Seminerete in riva a tutti i ruscelli e lascerete in libertà buoi e asini.
Скрыть
1
Guai a te, che devasti e non sei stato devastato, che saccheggi e non sei stato saccheggiato: sarai devastato, quando avrai finito di devastare, ti saccheggeranno, quando avrai finito di saccheggiare.
2
Signore, pietà di noi, in te speriamo; sii il nostro braccio ogni mattina, nostra salvezza nel tempo dell'angoscia.
3
Al rumore della tua minaccia fuggono i popoli, quando ti levi si disperdono le nazioni.
4
Si ammucchia la preda come si ammucchiano le cavallette vi si precipita sopra come vi si precipitano le locuste.
5
Eccelso è il Signore poiché dimora lassù ; egli riempie Sion di diritto e di giustizia.
6
C'è sicurezza nelle sue leggi, ricchezze salutari sono sapienza e scienza; il timore di Dio è il suo tesoro.
7
Ecco gli araldi gridano di fuori, i messaggeri di pace piangono amaramente.
8
Sono deserte le strade, non c'è chi passi per la via. Egli ha violato l'alleanza, ha respinto i testimoni, non si è curato di alcuno.
9
La terra è in lutto e piena di squallore, si scolora il Libano e intristisce; la pianura di Saron è simile a una steppa, brulli sono il Basan e il Carmelo.
10
«Ora mi alzerò », dice il Signore, «ora mi innalzerò , ora mi esalterò .
11
Avete concepito fieno, partorirete paglia; il mio soffio vi divorerà come fuoco.
12
I popoli saranno fornaci per calce, spini tagliati da bruciare nel fuoco.
13
Sentiranno i lontani quanto ho fatto, sapranno i vicini qual è la mia forza».
14
Hanno paura in Sion i peccatori, lo spavento si è impadronito degli empi. «Chi di noi può abitare presso un fuoco divorante? Chi di noi può abitare tra fiamme perenni?».
15
Chi cammina nella giustizia e parla con lealtà , chi rigetta un guadagno frutto di angherie, scuote le mani per non accettare regali, si tura gli orecchi per non udire fatti di sangue e chiude gli occhi per non vedere il male:
16
costui abiterà in alto, fortezze sulle rocce saranno il suo rifugio, gli sarà dato il pane, avrà l'acqua assicurata.
17
I tuoi occhi vedranno un re nel suo splendore, contempleranno un paese sconfinato.
18
Il tuo cuore si chiederà nei suoi terrori: «Dov'è colui che registra? Dov'è colui che pesa il denaro? Dov'è colui che ispeziona le torri?».
19
Non vedrai più quel popolo straniero, popolo dal linguaggio oscuro, incomprensibile, dalla lingua barbara che non si capisce.
20
Guarda Sion, la città delle nostre feste! I tuoi occhi vedranno Gerusalemme, dimora tranquilla, tenda che non sarà più rimossa, i suoi paletti non saranno divelti, nessuna delle sue cordicelle sarà strappata.
21
Poiché se là c'è un potente, noi abbiamo il Signore, al posto di fiumi e larghi canali; non ci passerà nave a remi né l'attraverserà naviglio più grosso.
22
Poiché il Signore è nostro giudice, il Signore è nostro legislatore, il Signore è nostro re; egli ci salverà .
23
Sono allentate le sue corde, non tengono più l'albero diritto, non spiegano più le vele.
23
Allora anche i ciechi divideranno una preda enorme gli zoppi faranno un ricco bottino.
24
Nessuno degli abitanti dirà : «Io sono malato»; il popolo che vi dimora è stato assolto dalle sue colpe.
Скрыть
1
Guai a coloro che fanno decreti iniqui e scrivono in fretta sentenze oppressive,
2
per negare la giustizia ai miseri e per frodare del diritto i poveri del mio popolo, per fare delle vedove la loro preda e per spogliare gli orfani.
3
Ma che farete nel giorno del castigo, quando da lontano sopraggiungerà la rovina? A chi ricorrerete per protezione? Dove lascerete la vostra ricchezza?
4
Non vi resterà che piegarvi tra i prigionieri o cadere tra i morti. Con tutto ciò non si calma la sua ira e ancora la sua mano rimane stesa.
5
Oh! Assiria, verga del mio furore, bastone del mio sdegno.
6
Contro una nazione empia io la mando e la comando contro un popolo con cui sono in collera perché lo saccheggi, lo depredi e lo calpesti come fango di strada.
7
Essa però non pensa così e così non giudica il suo cuore, ma vuole distruggere e annientare non poche nazioni.
8
Anzi dice: «Forse i miei capi non sono altrettanti re?
9
Forse come Cà rchemis non è anche Calne? Come Arpad non è forse Amat? Come Damasco non è forse Samaria?
10
Come la mia mano ha raggiunto quei regni degli idoli, le cui statue erano più numerose di quelle di Gerusalemme e di Samaria,
11
non posso io forse, come ho fatto a Samaria e ai suoi idoli, fare anche a Gerusalemme e ai suoi simulacri?».
12
Quando il Signore avrà terminato tutta l'opera sua sul monte Sion e a Gerusalemme, punirà l'operato orgoglioso della mente del re di Assiria e ciò di cui si gloria l'alterigia dei suoi occhi.
13
Poiché ha detto: «Con la forza della mia mano ho agito e con la mia sapienza, perché sono intelligente; ho rimosso i confini dei popoli e ho saccheggiato i loro tesori, ho abbattuto come un gigante coloro che sedevano sul trono.
14
La mia mano, come in un nido, ha scovato la ricchezza dei popoli. Come si raccolgono le uova abbandonate, così ho raccolto tutta la terra; non vi fu battito d'ala, nessuno apriva il becco o pigolava».
15
Può forse vantarsi la scure con chi taglia per suo mezzo o la sega insuperbirsi contro chi la maneggia? Come se un bastone volesse brandire chi lo impugna e una verga sollevare ciò che non è di legno!
16
Perciò il Signore, Dio degli eserciti, manderà una peste contro le sue più valide milizie; sotto ciò che è sua gloria arderà un bruciore come bruciore di fuoco;
17
La luce di Israele diventerà un fuoco, il suo santuario una fiamma; essa divorerà e consumerà rovi e pruni in un giorno,
18
esso consumerà anima e corpo e sarà come un malato che sta spegnendosi.
18
la magnificenza della sua selva e del suo giardino;
19
il resto degli alberi nella selva si conterà facilmente, persino un ragazzo potrebbe farne il conto.
20
In quel giorno il resto di Israele e i superstiti della casa di Giacobbe non si appoggeranno più su chi li ha percossi, ma si appoggeranno sul Signore, sul Santo di Israele, con lealtà .
21
Tornerà il resto, il resto di Giacobbe, al Dio forte.
22
Poiché anche se il tuo popolo, o Israele, fosse come la sabbia del mare, solo un suo resto ritornerà ; è decretato uno sterminio che farà traboccare la giustizia,
23
poiché un decreto di rovina eseguirà il Signore, Dio degli eserciti, su tutta la regione.
24
Pertanto così dice il Signore, Dio degli eserciti: «Popolo mio, che abiti in Sion, non temere l'Assiria che ti percuote con la verga e alza il bastone contro di te come gia l'Egitto.
25
Perché ancora un poco, ben poco, e il mio sdegno avrà fine; la mia ira li annienterà ».
26
Contro di essa il Signore degli eserciti agiterà il flagello, come quando colpì Madian sulla rupe dell'Oreb; alzerà la sua verga sul mare come fece con l'Egitto.
27
In quel giorno sarà tolto il suo fardello dalla tua spalla e il suo giogo cesserà di pesare sul tuo collo. Il distruttore viene da Rimmò n,
28
raggiunge Aià t, attraversa Migrò n, in Micmà s depone il bagaglio.
29
Attraversano il passo; in Gheba si accampano; Rama trema, fugge Gà baa di Saul.
30
Grida con tutta la tua voce, Bat-Gallì m, stà attenta, Là isa, rispondile, Anatò t!
31
Madmenà è in fuga, e alla fuga si danno gli abitanti di Ghebim.
32
Oggi stesso farà sosta a Nob, agiterà la mano verso il monte della figlia di Sion, verso il colle di Gerusalemme.
33
Ecco il Signore, Dio degli eserciti, che strappa i rami con fracasso; le punte più alte sono troncate, le cime sono abbattute.
34
E' reciso con il ferro il folto della selva e il Libano cade con la sua magnificenza.
Скрыть
1
Alzati, rivestiti di luce, perché viene la tua luce, la gloria del Signore brilla sopra di te.
2
Poiché , ecco, le tenebre ricoprono la terra, nebbia fitta avvolge le nazioni; ma su di te risplende il Signore, la sua gloria appare su di te.
3
Cammineranno i popoli alla tua luce, i re allo splendore del tuo sorgere.
4
Alza gli occhi intorno e guarda: tutti costoro si sono radunati, vengono a te. I tuoi figli vengono da lontano, le tue figlie sono portate in braccio.
5
A quella vista sarai raggiante, palpiterà e si dilaterà il tuo cuore, perché le ricchezze del mare si riverseranno su di te, verranno a te i beni dei popoli.
6
Uno stuolo di cammelli ti invaderà , dromedari di Madian e di Efa, tutti verranno da Saba, portando oro e incenso e proclamando le glorie del Signore.
7
Tutti i greggi di Kedà r si raduneranno da te, i montoni dei Nabatei saranno a tuo servizio, saliranno come offerta gradita sul mio altare; renderò splendido il tempio della mia gloria.
8
Chi sono quelle che volano come nubi e come colombe verso le loro colombaie?
9
Sono navi che si radunano per me, le navi di Tarsis in prima fila, per portare i tuoi figli da lontano, con argento e oro, per il nome del Signore tuo Dio, per il Santo di Israele che ti onora.
10
Stranieri ricostruiranno le tue mura, i loro re saranno al tuo servizio, perché nella mia ira ti ho colpito, ma nella mia benevolenza ho avuto pietà di te.
11
Le tue porte saranno sempre aperte, non si chiuderanno né di giorno né di notte, per lasciar introdurre da te le ricchezze dei popoli e i loro re che faranno da guida.
12
Perché il popolo e il regno che non vorranno servirti periranno e le nazioni saranno tutte sterminate.
13
La gloria del Libano verrà a te, cipressi, olmi e abeti insieme, per abbellire il luogo del mio santuario, per glorificare il luogo dove poggio i miei piedi.
14
Verranno a te in atteggiamento umile i figli dei tuoi oppressori; ti si getteranno proni alle piante dei piedi quanti ti disprezzavano. Ti chiameranno Città del Signore, Sion del Santo di Israele.
15
Dopo essere stata derelitta, odiata, senza che alcuno passasse da te, io farò di te l'orgoglio dei secoli, la gioia di tutte le generazioni.
16
Tu succhierai il latte dei popoli, succhierai le ricchezze dei re. Saprai che io sono il Signore tuo salvatore e tuo redentore, io il Forte di Giacobbe.
17
Farò venire oro anziché bronzo, farò venire argento anziché ferro, bronzo anziché legno, ferro anziché pietre. Costituirò tuo sovrano la pace, tuo governatore la giustizia.
18
Non si sentirà più parlare di prepotenza nel tuo paese, di devastazione e di distruzione entro i tuoi confini. Tu chiamerai salvezza le tue mura e gloria le tue porte.
19
Il sole non sarà più la tua luce di giorno, né ti illuminerà più il chiarore della luna. Ma il Signore sarà per te luce eterna, il tuo Dio sarà il tuo splendore.
20
Il tuo sole non tramonterà più né la tua luna si dileguerà , perché il Signore sarà per te luce eterna; saranno finiti i giorni del tuo lutto.
21
Il tuo popolo sarà tutto di giusti, per sempre avranno in possesso la terra, germogli delle piantagioni del Signore, lavoro delle sue mani per mostrare la sua gloria.
22
Il piccolo diventerà un migliaio, il minimo un immenso popolo; io sono il Signore: a suo tempo, farò ciò speditamente.
Скрыть
1
Per amore di Sion non tacerò , per amore di Gerusalemme non mi darò pace, finché non sorga come stella la sua giustizia e la sua salvezza non risplenda come lampada.
2
Allora i popoli vedranno la tua giustizia, tutti i re la tua gloria; ti si chiamerà con un nome nuovo che la bocca del Signore indicherà .
3
Sarai una magnifica corona nella mano del Signore, un diadema regale nella palma del tuo Dio.
4
Nessuno ti chiamerà più Abbandonata, né la tua terra sarà più detta Devastata, ma tu sarai chiamata Mio compiacimento e la tua terra, Sposata, perché il Signore si compiacerà di te e la tua terra avrà uno sposo.
5
Sì , come un giovane sposa una vergine, così ti sposerà il tuo architetto; come gioisce lo sposo per la sposa, così il tuo Dio gioirà per te.
6
Sulle tue mura, Gerusalemme, ho posto sentinelle; per tutto il giorno e tutta la notte non taceranno mai. Voi, che rammentate le promesse al Signore, non prendetevi mai riposo
7
e neppure a lui date riposo, finché non abbia ristabilito Gerusalemme e finché non l'abbia resa il vanto della terra.
8
Il Signore ha giurato con la sua destra e con il suo braccio potente: «Mai più darò il tuo grano in cibo ai tuoi nemici, mai più gli stranieri berranno il vino per il quale tu hai faticato.
9
No! Coloro che avranno raccolto il grano lo mangeranno e canteranno inni al Signore, coloro che avranno vendemmiato berranno il vino nei cortili del mio santuario».
10
Passate, passate per le porte, sgombrate la via al popolo, spianate, spianate la strada, liberatela dalle pietre, innalzate un vessillo per i popoli.
11
Ecco ciò che il Signore fa sentire all'estremità della terra: «Dite alla figlia di Sion: Ecco, arriva il tuo salvatore; ecco, ha con sé la sua mercede, la sua ricompensa è davanti a lui.
12
Li chiameranno popolo santo, redenti del Signore. E tu sarai chiamata Ricercata, Città non abbandonata».
Скрыть
1
Mi feci ricercare da chi non mi interrogava, mi feci trovare da chi non mi cercava. Dissi: «Eccomi, eccomi» a gente che non invocava il mio nome.
2
Ho teso la mano ogni giorno a un popolo ribelle; essi andavano per una strada non buona, seguendo i loro capricci,
3
un popolo che mi provocava sempre, con sfacciataggine. Essi sacrificavano nei giardini, offrivano incenso sui mattoni,
4
abitavano nei sepolcri, passavano la notte in nascondigli, mangiavano carne suina e cibi immondi nei loro piatti.
5
Essi dicono: «Stà lontano! Non accostarti a me, che per te sono sacro». Tali cose sono un fumo al mio naso, un fuoco acceso tutto il giorno.
6
Ecco, tutto questo sta scritto davanti a me; io non tacerò finché non avrò ripagato
7
le vostre iniquità e le iniquità dei vostri padri, tutte insieme, dice il Signore. Costoro hanno bruciato incenso sui monti e sui colli mi hanno insultato; così io calcolerò la loro paga e la riverserò nel loro grembo.
8
Dice il Signore: «Come quando si trova succo in un grappolo, si dice: Non distruggetelo, perché v'è qui una benedizione, così io farò per amore dei miei servi, per non distruggere ogni cosa.
9
Io farò uscire una discendenza da Giacobbe, da Giuda un erede dei miei monti. I miei eletti ne saranno i padroni e i miei servi vi abiteranno.
10
Sarò n diventerà un pascolo di greggi, la valle di Acò r un recinto per armenti, per il mio popolo che mi ricercherà .
11
Ma voi, che avete abbandonato il Signore, dimentichi del mio santo monte, che preparate una tavola per Gad e riempite per Menì la coppa di vino,
12
io vi destino alla spada; tutti vi curverete alla strage, perché ho chiamato e non avete risposto; ho parlato e non avete udito. Avete fatto ciò che è male ai miei occhi, ciò che mi dispiace avete scelto».
13
Pertanto, così dice il Signore Dio: «Ecco, i miei servi mangeranno e voi avrete fame; ecco, i miei servi berranno e voi avrete sete; ecco, i miei servi gioiranno e voi resterete delusi;
14
ecco, i miei servi giubileranno per la gioia del cuore, voi griderete per il dolore del cuore, urlerete per la tortura dello spirito.
15
Lascerete il vostro nome come imprecazione fra i miei eletti: Così ti faccia morire il Signore Dio. Ma i miei servi saranno chiamati con un altro nome.
16
Chi vorrà essere benedetto nel paese, vorrà esserlo per il Dio fedele; chi vorrà giurare nel paese, giurerà per il Dio fedele; perché saranno dimenticate le tribolazioni antiche, saranno occultate ai miei occhi.
17
Ecco infatti io creo nuovi cieli e nuova terra; non si ricorderà più il passato, non verrà più in mente,
18
poiché si godrà e si gioirà sempre di quello che sto per creare, e farò di Gerusalemme una gioia, del suo popolo un gaudio.
19
Io esulterò di Gerusalemme, godrò del mio popolo. Non si udranno più in essa voci di pianto, grida di angoscia.
20
Non ci sarà più un bimbo che viva solo pochi giorni, né un vecchio che dei suoi giorni non giunga alla pienezza; poiché il più giovane morirà a cento anni e chi non raggiunge i cento anni sarà considerato maledetto.
21
Fabbricheranno case e le abiteranno, pianteranno vigne e ne mangeranno il frutto.
22
Non fabbricheranno perché un altro vi abiti, né pianteranno perché un altro mangi, poiché quali i giorni dell'albero, tali i giorni del mio popolo. I miei eletti useranno a lungo quanto è prodotto dalle loro mani.
23
Non faticheranno invano, né genereranno per una morte precoce, perché prole di benedetti dal Signore essi saranno e insieme con essi anche i loro germogli.
24
Prima che mi invochino, io risponderò ; mentre ancora stanno parlando, io gia li avrò ascoltati.
25
Il lupo e l'agnello pascoleranno insieme, il leone mangerà la paglia come un bue, ma il serpente mangerà la polvere, non faranno né male né danno in tutto il mio santo monte». Dice il Signore.
Скрыть
1
Esulta, o sterile che non hai partorito, prorompi in grida di giubilo e di gioia, tu che non hai provato i dolori, perché più numerosi sono i figli dell'abbandonata che i figli della maritata, dice il Signore.
2
Allarga lo spazio della tua tenda, stendi i teli della tua dimora senza risparmio, allunga le cordicelle, rinforza i tuoi paletti,
3
poiché ti allargherai a destra e a sinistra e la tua discendenza entrerà in possesso delle nazioni, popolerà le città un tempo deserte.
4
Non temere, perché non dovrai più arrossire; non vergognarti, perché non sarai più disonorata; anzi, dimenticherai la vergogna della tua giovinezza e non ricorderai più il disonore della tua vedovanza.
5
Poiché tuo sposo è il tuo creatore, Signore degli eserciti è il suo nome; tuo redentore è il Santo di Israele, è chiamato Dio di tutta la terra.
6
Come una donna abbandonata e con l'animo afflitto, ti ha il Signore richiamata. Viene forse ripudiata la donna sposata in gioventù ? Dice il tuo Dio.
7
Per un breve istante ti ho abbandonata, ma ti riprenderò con immenso amore.
8
In un impeto di collera ti ho nascosto per un poco il mio volto; ma con affetto perenne ho avuto pietà di te, dice il tuo redentore, il Signore.
9
Ora è per me come ai giorni di Noè , quando giurai che non avrei più riversato le acque di Noè sulla terra; così ora giuro di non più adirarmi con te e di non farti più minacce.
10
Anche se i monti si spostassero e i colli vacillassero, non si allontanerebbe da te il mio affetto, né vacillerebbe la mia alleanza di pace; dice il Signore che ti usa misericordia.
11
Afflitta, percossa dal turbine, sconsolata, ecco io pongo sulla malachite le tue pietre e sugli zaffiri le tue fondamenta.
12
Farò di rubini la tua merlatura, le tue porte saranno di carbonchi, tutta la tua cinta sarà di pietre preziose.
13
Tutti i tuoi figli saranno discepoli del Signore, grande sarà la prosperità dei tuoi figli;
14
sarai fondata sulla giustizia. Stà lontana dall'oppressione, perché non dovrai temere, dallo spavento, perché non ti si accosterà .
15
Ecco, se ci sarà un attacco, non sarà da parte mia. Chi ti attacca cadrà contro di te.
16
Ecco, io ho creato il fabbro che soffia sul fuoco delle braci e ne trae gli strumenti per il suo lavoro, e io ho creato anche il distruttore per devastare.
17
Nessun'arma affilata contro di te avrà successo, farai condannare ogni lingua che si alzerà contro di te in giudizio. Questa è la sorte dei servi del Signore, quanto spetta a loro da parte mia. Oracolo del Signore.
Скрыть
1
Vidi poi un nuovo cielo e una nuova terra, perché il cielo e la terra di prima erano scomparsi e il mare non c'era più .
2
Vidi anche la città santa, la nuova Gerusalemme, scendere dal cielo, da Dio, pronta come una sposa adorna per il suo sposo.
3
Udii allora una voce potente che usciva dal trono: «Ecco la dimora di Dio con gli uomini! Egli dimorerà tra di loro ed essi saranno suo popolo ed egli sarà il "Dio-con-loro".
4
E tergerà ogni lacrima dai loro occhi; non ci sarà più la morte, né lutto, né lamento, né affanno, perché le cose di prima sono passate».
5
E Colui che sedeva sul trono disse: «Ecco, io faccio nuove tutte le cose»; e soggiunse: «Scrivi, perché queste parole sono certe e veraci.
6
Ecco sono compiute! Io sono l'Alfa e l'Omega, il Principio e la Fine. A colui che ha sete darò gratuitamente acqua della fonte della vita.
7
Chi sarà vittorioso erediterà questi beni; io sarò il suo Dio ed egli sarà mio figlio.
8
Ma per i vili e gl'increduli, gli abietti e gli omicidi, gl'immorali, i fattucchieri, gli idolà tri e per tutti i mentitori è riservato lo stagno ardente di fuoco e di zolfo. E' questa la seconda morte».
9
Poi venne uno dei sette angeli che hanno le sette coppe piene degli ultimi sette flagelli e mi parlò : «Vieni, ti mostrerò la fidanzata, la sposa dell'Agnello».
10
L'angelo mi trasportò in spirito su di un monte grande e alto, e mi mostrò la città santa, Gerusalemme, che scendeva dal cielo, da Dio, risplendente della gloria di Dio.
11
Il suo splendore è simile a quello di una gemma preziosissima, come pietra di diaspro cristallino.
12
La città è cinta da un grande e alto muro con dodici porte: sopra queste porte stanno dodici angeli e nomi scritti, i nomi delle dodici tribù dei figli d'Israele.
13
A oriente tre porte, a settentrione tre porte, a mezzogiorno tre porte e ad occidente tre porte.
14
Le mura della città poggiano su dodici basamenti, sopra i quali sono i dodici nomi dei dodici apostoli dell'Agnello.
15
Colui che mi parlava aveva come misura una canna d'oro, per misurare la città , le sue porte e le sue mura.
16
La città è a forma di quadrato, la sua lunghezza è uguale alla larghezza. L'angelo misurò la città con la canna: misura dodici mila stadi; la lunghezza, la larghezza e l'altezza sono eguali.
17
Ne misurò anche le mura: sono alte centoquarantaquattro braccia, secondo la misura in uso tra gli uomini adoperata dall'angelo.
18
Le mura sono costruite con diaspro e la città è di oro puro, simile a terso cristallo.
19
Le fondamenta delle mura della città sono adorne di ogni specie di pietre preziose. Il primo fondamento è di diaspro, il secondo di zaffì ro, il terzo di calcedò nio, il quarto di smeraldo,
20
il quinto di sardò nice, il sesto di cornalina, il settimo di crisò lito, l'ottavo di berillo, il nono di topazio, il decimo di crisopazio, l'undecimo di giacinto, il dodicesimo di ametista.
21
E le dodici porte sono dodici perle; ciascuna porta è formata da una sola perla. E la piazza della città è di oro puro, come cristallo trasparente.
22
Non vidi alcun tempio in essa perché il Signore Dio, l'Onnipotente, e l'Agnello sono il suo tempio.
23
La città non ha bisogno della luce del sole, né della luce della luna perché la gloria di Dio la illumina e la sua lampada è l'Agnello.
24
Le nazioni cammineranno alla sua luce e i re della terra a lei porteranno la loro magnificenza.
25
Le sue porte non si chiuderanno mai durante il giorno, poiché non vi sarà più notte.
26
E porteranno a lei la gloria e l'onore delle nazioni.
27
Non entrerà in essa nulla d'impuro, né chi commette abominio o falsità , ma solo quelli che sono scritti nel libro della vita dell'Agnello.
Скрыть
1
Ecco che il Signore spacca la terra, la squarcia e ne sconvolge la superficie e ne disperde gli abitanti.
2
Avverrà lo stesso al popolo come al sacerdote, allo schiavo come al suo padrone, alla schiava come alla sua padrona, al compratore come al venditore, al creditore come al debitore, a chi riceve come a chi dà in prestito.
3
Sarà tutta spaccata la terra sarà tutta saccheggiata, perché il Signore ha pronunziato questa parola.
4
E' in lutto, languisce la terra; è squallido, languisce il mondo, il cielo con la terra perisce.
5
La terra è stata profanata dai suoi abitanti, perché hanno trasgredito le leggi, hanno disobbedito al decreto, hanno infranto l'alleanza eterna.
6
Per questo la maledizione divora la terra, i suoi abitanti ne scontano la pena; per questo sono bruciati gli abitanti della terra e sono rimasti solo pochi uomini.
7
Lugubre è il mosto, la vigna languisce, gemono tutti.
8
E' cessata la gioia dei timpani, è finito il chiasso dei gaudenti, è cessata la gioia della cetra.
9
Non si beve più il vino tra i canti, la bevanda inebriante è amara per chi la beve.
10
E' distrutta la città del caos, è chiuso l'ingresso di ogni casa.
11
Per le strade si lamentano, perché non c'è vino; ogni gioia è scomparsa, se ne è andata la letizia dal paese.
12
Nella città è rimasta la desolazione; la porta è stata abbattuta, fatta a pezzi.
13
Perché così accadrà nel centro della terra, in mezzo ai popoli, come quando si bacchiano le ulive, come quando si racimola, finita la vendemmia.
14
Quelli alzeranno la voce, acclameranno alla maestà del Signore. Gridano dal mare: «Acclamate, pertanto, popoli!
15
Voi in oriente, glorificate il Signore, nelle isole del mare, il nome del Signore, Dio d'Israele.
16
Dagli angoli estremi della terra abbiamo udito il canto: Gloria al giusto». Ma io dico: «Guai a me! Guai a me! Ohimè !». I perfidi agiscono perfidamente, i perfidi operano con perfidia.
17
Terrore, fossa e laccio ti sovrastano, o abitante della terra.
18
Chi fugge al grido di terrore cadrà nella fossa, chi risale dalla fossa sarà preso nel laccio. Le cateratte dall'alto si aprono e si scuotono le fondamenta della terra.
19
A pezzi andrà la terra, in frantumi si ridurrà la terra, crollando crollerà la terra.
20
Certo, barcollerà la terra come un ubriaco, vacillerà come una tenda; peserà su di essa la sua iniquità , cadrà e non si rialzerà .
21
In quel giorno il Signore punirà in alto l'esercito di lassù e qui in terra i re della terra.
22
Saranno radunati e imprigionati in una fossa, saranno rinchiusi in un carcere e dopo lungo tempo saranno puniti.
23
Arrossirà la luna, impallidirà il sole, perché il Signore degli eserciti regna sul monte Sion e in Gerusalemme e davanti ai suoi anziani sarà glorificato.
Скрыть
Оглавление
Поделиться

Благодаря регистрации Вы можете подписаться на рассылку текстов любого из планов чтения Библии

Мы планируем постепенно развивать возможности самостоятельной настройки сайта и другие дополнительные сервисы для зарегистрированных пользователей, так что советуем регистрироваться уже сейчас (разумеется, бесплатно).