Библия-Центр
РУ

Мысли вслух на Иер 5:1-31

Percorrete le vie di Gerusalemme, osservate bene e informatevi, cercate nelle sue piazze se trovate un uomo, uno solo che agisca giustamente e cerchi di mantenersi fedele, e io le perdonerò , dice il Signore.
Anche quando esclamano: «Per la vita del Signore!», certo giurano il falso.
Signore, i tuoi occhi non cercano forse la fedeltà ? Tu li hai percossi, ma non mostrano dolore; li hai fiaccati, ma rifiutano di comprendere la correzione. Hanno indurito la faccia più di una rupe, non vogliono convertirsi.
Io pensavo: «Certo, sono di bassa condizione, agiscono da stolti, perchè non conoscono la via del Signore, il diritto del loro Dio.
Mi rivolgerò ai grandi e parlerò loro. Certo, essi conoscono la via del Signore, il diritto del loro Dio». Ahimè , anche questi hanno rotto il giogo, hanno spezzato i legami!
Per questo li azzanna il leone della foresta, il lupo delle steppe ne fa scempio, il leopardo sta in agguato vicino alle loro città quanti ne escono saranno sbranati; perchè si sono moltiplicati i loro peccati, sono aumentate le loro ribellioni.
Perchè ti dovrei perdonare? I tuoi figli mi hanno abbandonato, hanno giurato per chi non è Dio. Io li ho saziati ed essi hanno commesso adulterio, si affollano nelle case di prostituzione.
Sono come stalloni ben pasciuti e focosi; ciascuno nitrisce dietro la moglie del suo prossimo.
Non dovrei forse punirli per questo? Oracolo del Signore. E di un popolo come questo non dovrei vendicarmi?
10 Salite sui suoi filari e distruggeteli, compite uno sterminio; strappatene i tralci, perchè non sono del Signore.
11 Poichè , certo, mi si sono ribellate la casa di Israele e la casa di Giuda». Oracolo del Signore.
12 Hanno rinnegato il Signore, hanno proclamato: «Non è lui! Non verrà sopra di noi la sventura, non vedremo né spada né fame.
13 I profeti sono come il vento, la sua parola non è in essi».
14 Perciò dice il Signore, Dio degli eserciti: «Questo sarà fatto loro, poichè hanno pronunziato questo discorso: Ecco io farò delle mie parole come un fuoco sulla tua bocca. Questo popolo sarà la legna che esso divorerà .
15 Ecco manderò contro di voi una nazione da lontano, o casa di Israele. Oracolo del Signore. E' una nazione valorosa, è una nazione antica! Una nazione di cui non conosci la lingua e non comprendi che cosa dice.
16 La sua faretra è come un sepolcro aperto. Essi sono tutti prodi.
17 Divorerà le tue messi e il tuo pane; divorerà i tuoi figli e le tue figlie; divorerà i greggi e gli armenti; divorerà le tue vigne e i tuoi fichi; distruggerà le città fortificate nelle quali riponevi la fiducia.
18 Ma anche in quei giorni, dice il Signore, non farò di voi uno sterminio».
19 Allora, se diranno: «Perché il Signore nostro Dio ci fa tutte queste cose?», tu risponderai: «Come voi avete abbandonato il Signore e avete servito divinità straniere nel vostro paese, così servirete gli stranieri in un paese non vostro».
20 Annunziatelo nella casa di Giacobbe, fatelo udire in Giuda dicendo:
21 «Questo dunque ascoltate, o popolo stolto e privo di senno, che ha occhi ma non vede, che ha orecchi ma non ode.
22 Voi non mi temerete? Oracolo del Signore. Non tremerete dinanzi a me, che ho posto la sabbia per confine al mare, come barriera perenne che esso non varcherà ? Le sue onde si agitano ma non prevalgono, rumoreggiano ma non l'oltrepassano».
23 Ma questo popolo ha un cuore indocile e ribelle; si voltano indietro e se ne vanno,
24 e non dicono in cuor loro: «Temiamo il Signore nostro Dio che elargisce la pioggia d'autunno e quella di primavera a suo tempo, ha fissato le settimane per la messe e ce le mantiene costanti».
25 Le vostre iniquità hanno sconvolto queste cose e i vostri peccati tengono lontano da voi il benessere;
26 poiché tra il mio popolo vi sono malvagi che spiano come cacciatori in agguato, pongono trappole per prendere uomini.
27 Come una gabbia piena di uccelli, così le loro case sono piene di inganni; perciò diventano grandi e ricchi.
28 Sono grassi e pingui, oltrepassano i limiti del male; non difendono la giustizia, non si curano della causa dell'orfano, non fanno giustizia ai poveri.
29 Non dovrei forse punire queste colpe? Oracolo del Signore. Di un popolo come questo non dovrei vendicarmi?
30 Cose spaventose e orribili avvengono nel paese.
31 I profeti predicono in nome della menzogna e i sacerdoti governano al loro cenno; eppure il mio popolo è contento di questo. Che farete quando verrà la fine?
Свернуть

Катастрофа грядет на народ Иудеи не столько как наказание за какие-то определенные грехи, а потому, что в этой стране, призванной стать местом присутствия Бога на земле, для Него просто не осталось места. Дело не в том, что жители Иерусалима стали какими-то страшными злодеями, а в том, что Бог стал им просто неинтересен. У всех нашлись другие интересы: беднякам надо работать, богачам — пировать, пророкам — пророчествовать, священникам — приносить жертвы... а Бог оказался ни при чем. И это страшнее любого греха. Грех можно простить, иногда исправить, как-то попытаться найти выход из ситуации, а когда люди забывают Бога, то прощение и жертва и пророчество теряют смысл. А когда исчезает смысл — приходит смерть, самая бессмысленная вещь на свете.

Другие мысли вслух

 
На Иер 5:1-31
Percorrete le vie di Gerusalemme, osservate bene e informatevi, cercate nelle sue piazze se trovate un uomo, uno solo che agisca giustamente e cerchi di mantenersi fedele, e io le perdonerò , dice il Signore.
Anche quando esclamano: «Per la vita del Signore!», certo giurano il falso.
Signore, i tuoi occhi non cercano forse la fedeltà ? Tu li hai percossi, ma non mostrano dolore; li hai fiaccati, ma rifiutano di comprendere la correzione. Hanno indurito la faccia più di una rupe, non vogliono convertirsi.
Io pensavo: «Certo, sono di bassa condizione, agiscono da stolti, perchè non conoscono la via del Signore, il diritto del loro Dio.
Mi rivolgerò ai grandi e parlerò loro. Certo, essi conoscono la via del Signore, il diritto del loro Dio». Ahimè , anche questi hanno rotto il giogo, hanno spezzato i legami!
Per questo li azzanna il leone della foresta, il lupo delle steppe ne fa scempio, il leopardo sta in agguato vicino alle loro città quanti ne escono saranno sbranati; perchè si sono moltiplicati i loro peccati, sono aumentate le loro ribellioni.
Perchè ti dovrei perdonare? I tuoi figli mi hanno abbandonato, hanno giurato per chi non è Dio. Io li ho saziati ed essi hanno commesso adulterio, si affollano nelle case di prostituzione.
Sono come stalloni ben pasciuti e focosi; ciascuno nitrisce dietro la moglie del suo prossimo.
Non dovrei forse punirli per questo? Oracolo del Signore. E di un popolo come questo non dovrei vendicarmi?
10 Salite sui suoi filari e distruggeteli, compite uno sterminio; strappatene i tralci, perchè non sono del Signore.
11 Poichè , certo, mi si sono ribellate la casa di Israele e la casa di Giuda». Oracolo del Signore.
12 Hanno rinnegato il Signore, hanno proclamato: «Non è lui! Non verrà sopra di noi la sventura, non vedremo né spada né fame.
13 I profeti sono come il vento, la sua parola non è in essi».
14 Perciò dice il Signore, Dio degli eserciti: «Questo sarà fatto loro, poichè hanno pronunziato questo discorso: Ecco io farò delle mie parole come un fuoco sulla tua bocca. Questo popolo sarà la legna che esso divorerà .
15 Ecco manderò contro di voi una nazione da lontano, o casa di Israele. Oracolo del Signore. E' una nazione valorosa, è una nazione antica! Una nazione di cui non conosci la lingua e non comprendi che cosa dice.
16 La sua faretra è come un sepolcro aperto. Essi sono tutti prodi.
17 Divorerà le tue messi e il tuo pane; divorerà i tuoi figli e le tue figlie; divorerà i greggi e gli armenti; divorerà le tue vigne e i tuoi fichi; distruggerà le città fortificate nelle quali riponevi la fiducia.
18 Ma anche in quei giorni, dice il Signore, non farò di voi uno sterminio».
19 Allora, se diranno: «Perché il Signore nostro Dio ci fa tutte queste cose?», tu risponderai: «Come voi avete abbandonato il Signore e avete servito divinità straniere nel vostro paese, così servirete gli stranieri in un paese non vostro».
20 Annunziatelo nella casa di Giacobbe, fatelo udire in Giuda dicendo:
21 «Questo dunque ascoltate, o popolo stolto e privo di senno, che ha occhi ma non vede, che ha orecchi ma non ode.
22 Voi non mi temerete? Oracolo del Signore. Non tremerete dinanzi a me, che ho posto la sabbia per confine al mare, come barriera perenne che esso non varcherà ? Le sue onde si agitano ma non prevalgono, rumoreggiano ma non l'oltrepassano».
23 Ma questo popolo ha un cuore indocile e ribelle; si voltano indietro e se ne vanno,
24 e non dicono in cuor loro: «Temiamo il Signore nostro Dio che elargisce la pioggia d'autunno e quella di primavera a suo tempo, ha fissato le settimane per la messe e ce le mantiene costanti».
25 Le vostre iniquità hanno sconvolto queste cose e i vostri peccati tengono lontano da voi il benessere;
26 poiché tra il mio popolo vi sono malvagi che spiano come cacciatori in agguato, pongono trappole per prendere uomini.
27 Come una gabbia piena di uccelli, così le loro case sono piene di inganni; perciò diventano grandi e ricchi.
28 Sono grassi e pingui, oltrepassano i limiti del male; non difendono la giustizia, non si curano della causa dell'orfano, non fanno giustizia ai poveri.
29 Non dovrei forse punire queste colpe? Oracolo del Signore. Di un popolo come questo non dovrei vendicarmi?
30 Cose spaventose e orribili avvengono nel paese.
31 I profeti predicono in nome della menzogna e i sacerdoti governano al loro cenno; eppure il mio popolo è contento di questo. Che farete quando verrà la fine?
Свернуть
Как некогда в Содоме, Господь готов помиловать Иерусалим, если в нём найдётся хотя бы один праведник. Но если в...  Читать далее

Как некогда в Содоме, Господь готов помиловать Иерусалим, если в нём найдётся хотя бы один праведник. Но если в защиту содомских праведников голос был поднят человеком, то здесь Сам Господь готов проявить милость к впавшему в грех городу. Вот только выясняется, что даже в грешном Содоме нашёлся один праведник, а в городе Давидовом не оказалось ни одного. Пророк обличает не только тех, кому богатство помогает грешить с размахом, но и тех, кто беден, кто является жертвой беззаконий, совершаемых разжиревшими чиновниками.

Для тех, кто привык мыслить чисто социальными категориями, такой подход неприемлем, бедные, жертвы несправедливости, кажутся оправданными уже в силу своего задавленного положения. Но ведь и они по разному реагируют на одни и те же трудные обстоятельства. Зло не считается с имущественным расслоением, оно готово заразить любого, кто ему поддастся. Протестующие против несправедливости, допущенной по отношению к ним, слишком легко становятся несправедливыми в свою пользу по отношению к другим.

За всё это придётся отвечать, но и на этот раз Господь предупреждает, что не допустит полной гибели народа и не истребит его до конца. Если же нам кажется, что беды, которым предстояло обрушиться на грешников, были чрезмерными, подумаем о том, что своими грехами мы часто заслуживаем неизмеримо большего, чем то, что нам выпадает. И уже в том, что бедствия оказываются меньшими, чем могли бы быть, следует видеть проявление Его милости к нам.

Свернуть
 
На Иер 5:1-31
Percorrete le vie di Gerusalemme, osservate bene e informatevi, cercate nelle sue piazze se trovate un uomo, uno solo che agisca giustamente e cerchi di mantenersi fedele, e io le perdonerò , dice il Signore.
Anche quando esclamano: «Per la vita del Signore!», certo giurano il falso.
Signore, i tuoi occhi non cercano forse la fedeltà ? Tu li hai percossi, ma non mostrano dolore; li hai fiaccati, ma rifiutano di comprendere la correzione. Hanno indurito la faccia più di una rupe, non vogliono convertirsi.
Io pensavo: «Certo, sono di bassa condizione, agiscono da stolti, perchè non conoscono la via del Signore, il diritto del loro Dio.
Mi rivolgerò ai grandi e parlerò loro. Certo, essi conoscono la via del Signore, il diritto del loro Dio». Ahimè , anche questi hanno rotto il giogo, hanno spezzato i legami!
Per questo li azzanna il leone della foresta, il lupo delle steppe ne fa scempio, il leopardo sta in agguato vicino alle loro città quanti ne escono saranno sbranati; perchè si sono moltiplicati i loro peccati, sono aumentate le loro ribellioni.
Perchè ti dovrei perdonare? I tuoi figli mi hanno abbandonato, hanno giurato per chi non è Dio. Io li ho saziati ed essi hanno commesso adulterio, si affollano nelle case di prostituzione.
Sono come stalloni ben pasciuti e focosi; ciascuno nitrisce dietro la moglie del suo prossimo.
Non dovrei forse punirli per questo? Oracolo del Signore. E di un popolo come questo non dovrei vendicarmi?
10 Salite sui suoi filari e distruggeteli, compite uno sterminio; strappatene i tralci, perchè non sono del Signore.
11 Poichè , certo, mi si sono ribellate la casa di Israele e la casa di Giuda». Oracolo del Signore.
12 Hanno rinnegato il Signore, hanno proclamato: «Non è lui! Non verrà sopra di noi la sventura, non vedremo né spada né fame.
13 I profeti sono come il vento, la sua parola non è in essi».
14 Perciò dice il Signore, Dio degli eserciti: «Questo sarà fatto loro, poichè hanno pronunziato questo discorso: Ecco io farò delle mie parole come un fuoco sulla tua bocca. Questo popolo sarà la legna che esso divorerà .
15 Ecco manderò contro di voi una nazione da lontano, o casa di Israele. Oracolo del Signore. E' una nazione valorosa, è una nazione antica! Una nazione di cui non conosci la lingua e non comprendi che cosa dice.
16 La sua faretra è come un sepolcro aperto. Essi sono tutti prodi.
17 Divorerà le tue messi e il tuo pane; divorerà i tuoi figli e le tue figlie; divorerà i greggi e gli armenti; divorerà le tue vigne e i tuoi fichi; distruggerà le città fortificate nelle quali riponevi la fiducia.
18 Ma anche in quei giorni, dice il Signore, non farò di voi uno sterminio».
19 Allora, se diranno: «Perché il Signore nostro Dio ci fa tutte queste cose?», tu risponderai: «Come voi avete abbandonato il Signore e avete servito divinità straniere nel vostro paese, così servirete gli stranieri in un paese non vostro».
20 Annunziatelo nella casa di Giacobbe, fatelo udire in Giuda dicendo:
21 «Questo dunque ascoltate, o popolo stolto e privo di senno, che ha occhi ma non vede, che ha orecchi ma non ode.
22 Voi non mi temerete? Oracolo del Signore. Non tremerete dinanzi a me, che ho posto la sabbia per confine al mare, come barriera perenne che esso non varcherà ? Le sue onde si agitano ma non prevalgono, rumoreggiano ma non l'oltrepassano».
23 Ma questo popolo ha un cuore indocile e ribelle; si voltano indietro e se ne vanno,
24 e non dicono in cuor loro: «Temiamo il Signore nostro Dio che elargisce la pioggia d'autunno e quella di primavera a suo tempo, ha fissato le settimane per la messe e ce le mantiene costanti».
25 Le vostre iniquità hanno sconvolto queste cose e i vostri peccati tengono lontano da voi il benessere;
26 poiché tra il mio popolo vi sono malvagi che spiano come cacciatori in agguato, pongono trappole per prendere uomini.
27 Come una gabbia piena di uccelli, così le loro case sono piene di inganni; perciò diventano grandi e ricchi.
28 Sono grassi e pingui, oltrepassano i limiti del male; non difendono la giustizia, non si curano della causa dell'orfano, non fanno giustizia ai poveri.
29 Non dovrei forse punire queste colpe? Oracolo del Signore. Di un popolo come questo non dovrei vendicarmi?
30 Cose spaventose e orribili avvengono nel paese.
31 I profeti predicono in nome della menzogna e i sacerdoti governano al loro cenno; eppure il mio popolo è contento di questo. Che farete quando verrà la fine?
Свернуть
Чтобы предотвратить катастрофу, нужно так мало...  Читать далее

Чтобы предотвратить катастрофу, нужно так мало: только один человек, ищущий истины! Неужели и его не найдется в Иерусалиме? Мир действительно спасается одним Человеком, Который знает Отца и может открыть Его другим. Как важно сейчас, когда мир снова на пороге физической и духовной катастрофы, дать Ему возможность действовать через нас для спасения всего мира.

Свернуть
 
На Иер 5:1-31
Percorrete le vie di Gerusalemme, osservate bene e informatevi, cercate nelle sue piazze se trovate un uomo, uno solo che agisca giustamente e cerchi di mantenersi fedele, e io le perdonerò , dice il Signore.
Anche quando esclamano: «Per la vita del Signore!», certo giurano il falso.
Signore, i tuoi occhi non cercano forse la fedeltà ? Tu li hai percossi, ma non mostrano dolore; li hai fiaccati, ma rifiutano di comprendere la correzione. Hanno indurito la faccia più di una rupe, non vogliono convertirsi.
Io pensavo: «Certo, sono di bassa condizione, agiscono da stolti, perchè non conoscono la via del Signore, il diritto del loro Dio.
Mi rivolgerò ai grandi e parlerò loro. Certo, essi conoscono la via del Signore, il diritto del loro Dio». Ahimè , anche questi hanno rotto il giogo, hanno spezzato i legami!
Per questo li azzanna il leone della foresta, il lupo delle steppe ne fa scempio, il leopardo sta in agguato vicino alle loro città quanti ne escono saranno sbranati; perchè si sono moltiplicati i loro peccati, sono aumentate le loro ribellioni.
Perchè ti dovrei perdonare? I tuoi figli mi hanno abbandonato, hanno giurato per chi non è Dio. Io li ho saziati ed essi hanno commesso adulterio, si affollano nelle case di prostituzione.
Sono come stalloni ben pasciuti e focosi; ciascuno nitrisce dietro la moglie del suo prossimo.
Non dovrei forse punirli per questo? Oracolo del Signore. E di un popolo come questo non dovrei vendicarmi?
10 Salite sui suoi filari e distruggeteli, compite uno sterminio; strappatene i tralci, perchè non sono del Signore.
11 Poichè , certo, mi si sono ribellate la casa di Israele e la casa di Giuda». Oracolo del Signore.
12 Hanno rinnegato il Signore, hanno proclamato: «Non è lui! Non verrà sopra di noi la sventura, non vedremo né spada né fame.
13 I profeti sono come il vento, la sua parola non è in essi».
14 Perciò dice il Signore, Dio degli eserciti: «Questo sarà fatto loro, poichè hanno pronunziato questo discorso: Ecco io farò delle mie parole come un fuoco sulla tua bocca. Questo popolo sarà la legna che esso divorerà .
15 Ecco manderò contro di voi una nazione da lontano, o casa di Israele. Oracolo del Signore. E' una nazione valorosa, è una nazione antica! Una nazione di cui non conosci la lingua e non comprendi che cosa dice.
16 La sua faretra è come un sepolcro aperto. Essi sono tutti prodi.
17 Divorerà le tue messi e il tuo pane; divorerà i tuoi figli e le tue figlie; divorerà i greggi e gli armenti; divorerà le tue vigne e i tuoi fichi; distruggerà le città fortificate nelle quali riponevi la fiducia.
18 Ma anche in quei giorni, dice il Signore, non farò di voi uno sterminio».
19 Allora, se diranno: «Perché il Signore nostro Dio ci fa tutte queste cose?», tu risponderai: «Come voi avete abbandonato il Signore e avete servito divinità straniere nel vostro paese, così servirete gli stranieri in un paese non vostro».
20 Annunziatelo nella casa di Giacobbe, fatelo udire in Giuda dicendo:
21 «Questo dunque ascoltate, o popolo stolto e privo di senno, che ha occhi ma non vede, che ha orecchi ma non ode.
22 Voi non mi temerete? Oracolo del Signore. Non tremerete dinanzi a me, che ho posto la sabbia per confine al mare, come barriera perenne che esso non varcherà ? Le sue onde si agitano ma non prevalgono, rumoreggiano ma non l'oltrepassano».
23 Ma questo popolo ha un cuore indocile e ribelle; si voltano indietro e se ne vanno,
24 e non dicono in cuor loro: «Temiamo il Signore nostro Dio che elargisce la pioggia d'autunno e quella di primavera a suo tempo, ha fissato le settimane per la messe e ce le mantiene costanti».
25 Le vostre iniquità hanno sconvolto queste cose e i vostri peccati tengono lontano da voi il benessere;
26 poiché tra il mio popolo vi sono malvagi che spiano come cacciatori in agguato, pongono trappole per prendere uomini.
27 Come una gabbia piena di uccelli, così le loro case sono piene di inganni; perciò diventano grandi e ricchi.
28 Sono grassi e pingui, oltrepassano i limiti del male; non difendono la giustizia, non si curano della causa dell'orfano, non fanno giustizia ai poveri.
29 Non dovrei forse punire queste colpe? Oracolo del Signore. Di un popolo come questo non dovrei vendicarmi?
30 Cose spaventose e orribili avvengono nel paese.
31 I profeti predicono in nome della menzogna e i sacerdoti governano al loro cenno; eppure il mio popolo è contento di questo. Che farete quando verrà la fine?
Свернуть
Сегодняшнее чтение позволяет нам лучше понять, что имеют в виду библейские авторы, говоря о «наказании Божием»...  Читать далее

Сегодняшнее чтение позволяет нам лучше понять, что имеют в виду библейские авторы, говоря о «наказании Божием». Начинается отрывок с описания довольно мрачной духовно картины: во всём Иерусалиме нет никого, кто всерьёз задумывался бы о таких основополагающих вещах, как праведность («правда») и верность Богу («истина») (ст. 1–5). Причём относится это, как видно, не только к простому народу, который не особо сведущ в Торе, но и к тем, кто может и должен в этом разбираться и понимать, что он делает. Но самым страшным здесь оказывается даже не сам грех, а то отношение к Богу, которое можно назвать практическим атеизмом: люди, знающие о Торе всё, что им положено знать, как видно, нарушают заповеди не потому, что надеются на прощение, а потому, что фактически они в Бога не верят (ст. 12–13).

Такой практический атеизм, впрочем, вовсе не обязательно должен был быть открытым, он вполне мог даже сочетаться с внешней (а иногда, быть может, и показной) религиозностью, но к пророческой проповеди эти практические атеисты относились, как минимум, с неприязнью: ведь пророки всегда напоминали не о внешней религиозности, а о живом, реальном Боге, о Котором нарушители Торы предпочитали не думать. Но даже в такой ситуации Бог не желает полного уничтожения Своего народа (ст. 10, 18). Казалось бы, с людьми, говорящими Богу «нет», сохранять какие бы то ни было отношения совершенно бесперспективно. Даже у воинствующего атеиста больше возможностей найти Бога, чем у хладнокровного циника: ведь яростное отрицание Бога — тоже отношение, оно может при определённых условиях перемениться на прямо противоположное, цинизм же исключает всякие отношения полностью, цинику никто не нужен и не интересен, кроме него самого. Такого человека может духовно разбудить и привести в чувство лишь одно: катастрофа, крах всех планов и надежд, притом такой, при котором становится совершенно очевидно, что никакой возможности изменить ситуацию своими силами нет.

Конечно, и это само по себе не гарантия того, что циник пересмотрит своё отношение к миру, но это всё же хоть какая-то возможность. Однако в таком случае, конечно, катастрофа не должна быть окончательной: ведь тогда говорить о каком-то изменении жизни, хотя бы в будущем, станет просто бессмысленно. И Бог попускает Своему народу пройти через такую катастрофу. Катастрофу, пережить которую духовно можно было, лишь полностью предав себя в волю Божию и став частью того остатка, о котором говорили пророки.

Свернуть

Благодаря регистрации Вы можете подписаться на рассылку текстов любого из планов чтения Библии

Мы планируем постепенно развивать возможности самостоятельной настройки сайта и другие дополнительные сервисы для зарегистрированных пользователей, так что советуем регистрироваться уже сейчас (разумеется, бесплатно).